logo

Destinazione Turchia

  • Il Bosforo, confine meridionale tra Europa e Asia
  • sosta abituale di navi da crociera
  • da qui si parte versoi principali siti archeologi, storici e turistici
  • Gran Bazar
  • Moschea Blu
  • Lago Salato
  • Hierapolis
  • meta ogni anno di 1,5 milioni di visitatori
  • Pamukkale
  • Efeso
  • ...
  • Caravanserraglio
  • antica sosta delle carovane
  • Valle di Goreme
  • ...
  • abitazioni scavate nella roccia
  • ancora ad uso abitativo
  • antico villaggio rupestre
  • l'allevamento dei cammelli è una tradizione curda, il turista può essere una fonte di guadagno occasionale
  • il randagismo è diffuso, ma monitorato
  • e vissuto con armonia dalla popolazione
  • ...
  • Alba in Cappadocia
  • ...
  • Anatolia
  • i centri abitati sono dislocati lontano dalle campagne
  • gli spostamenti sono necessari
  • frequenti
  • impegnativi
  • di gruppo
  • Dal 1971 la TOFAS in'accordo con la Fiat produce vetture sui telai della casa torinese, l'influenza politica della famiglia Koç ha consentito al potenziamento e miglioramento della rete stradale turca
  • inibendo d'altra parte lo sviluppo della rete ferroviaria, di cui l'80% dei binari è ancora a scartamento ridotto
  • La Turchia sembra orientata verso una palpabile ricerca di pulizia e costante rimodernamento
  • di facciata
  • nei costumi
  • nelle forme
  • ma convive con il dramma del popolo siriano
  • i rifugiati in Turchia sono più di un milione
  • ...

medialab  Le emozioni, i colori, i contrasti di un Paese dalla storia millenaria e dai cento volti. Un viaggio in Turchia significa attraversare paesaggi naturali e atmosfere differenti. Il punto di partenza, per tutti, è Istanbul, l’antica Costantinopoli, l’unica città al mondo spalmata fra due continenti e crocevia di religioni e culture diverse, che accoglie il turista con la spiritualità dei suoi luoghi di culto, i suoi mercati e le prelibatezze culinarie.

Poi c’è la Costa Egea, dove il mare cristallino e spiagge fra le più belle del Paese si incontrano con vestigia fra le più importanti dell’antichità classica, come quelle di Hierapolis o Efeso. A poche ore di macchina, ci si imbatte nello splendore della Cappadocia, che offre ai visitatori non solo i suoi paesaggi mozzafiato, che si possono godere dalle mongolfiere, ma anche i villaggi rupestri, interi gruppi di abitazioni scavate nella roccia e ancora oggi abitati, nonché le chiese rupestri, Patrimonio Unesco dell’Umanità, i cui affreschi colpiscono per la vivacità dei colori, che hanno attraversato quasi miracolosamente secoli di battaglie e conquiste.

I turisti più desiderosi di entrare in contatto con il volto meno conosciuto della Turchia, posso recarsi in Anatolia. Qui sorgono alcune fra le località più suggestive del Paese, come Şanlıurfa o Mardin. Alle distese sconfinate, si unisce una quotidianità turca diversa da quella delle altre parti della Mezzaluna, dove l’arte di arrangiarsi, soprattutto per quanto riguarda i trasporti, è una necessità primaria.

Un ottimismo e una fiducia nel futuro che contrasta con il grande disagio che sta vivendo la popolazione del sud-est, in buona parte curda, ormai da tre anni sotto pressione per via dell’emergenza profughi siriana e per una situazione sul confine sempre più incandescente a causa delle varie infiltrazioni terroristiche.

Marta Ottaviani

  • Share